banner
RSS

I post taggati con "Spillo Fedrigoni"

Spillo Fedrigoni e la fisica della luce

La carta Spillo, nuovo progetto del designer Emanuele Ricci per Fedrigoni, nasce dalla ricerca sull'interazione tra luce e superfici.

L'ispirazione, per Ricci, è scattata nel corso di alcune escursioni naturalistiche: una pelle di biscia, alcuni gusci d'uovo e uno scheletro di riccio di mare rinvenuti casualmente, hanno spinto il designer a indagare il rapporto fra superfici e rifrazione della luce. L'osservazione di questi elementi attraverso una lente di ingrandimento è stata decisiva. "È stato allora" racconta Ricci in una intervista rilasciata alla rivista Pulp edita da Fedrigoni "che mi sono accorto che c'era una soluzione di design ancora inedita da perseguire: la densità. L'analisi macrofotografica del guscio d'uovo e dello scheletro del riccio di mare mi ha rivelato superfici di grande densità che cambiavano con la luce".

Le singolari caratteristiche di questo recentissimo prodotto Fedrigoni hanno subito ispirato Multifolia che ha scelto proprio Spillo per realizzare due originalissima carte per confezionamento. Nel caso di Christmas Town,  la particolare goffratura di Spillo ci è parsa il supporto ideale per rendere ancor più suggestivo il paesaggio innevato disegnato da Beatrice Cerocchi. E una superficie così sensibile alla luce si è subito dimostrata perfetta per dare profondità al cielo nero su cui Francesco Giustozzi ha rappresentato le mille fantasie di un bambino (Pietro vuole volare).